Lucio Dalla è morto: secondo Ansa è stato un infarto

Lutto nel mondo della musica. Muore alla vigilia del suo 69° compleanno uno dei cantautori più amati d’Italia, Lucio Dalla. Alle 12.34 l’agenzia di stampa Ansa hanno diffuso la notizia della morte di Lucio Dalla che sarebbe stato stroncato da un infarto in Svizzera, a Montreaux, dove si trovava per una serie di concerti. La sua ultima apparizione televisiva è stata due settimane fa alla 62éedizione del Festival di Sanremo, insieme a Pierdavide Carone, nel doppio ruolo di autore del brano “Nani’” e di direttore d’orchestra. Lucio Dalla aveva inaugurato due giorni fa il suo tour europeo.

Aveva 68 anni ne avrebbe compiuto 69 il  4 marzo, come cantava nella sua canzone intitolata 4 marzo 1943. Il cantante bolognese ha inciso il suo primo 45 giri nel 1964, ed è entrato nell’olimpo della canzone italiana con pezzi come L’anno che verrà, Caro amico ti scrivo o Caruso, considerato il suo capolavoro. Nel 1966 il suo debutto a Sanremo con Paff…Bum. Nel 1977 diventa paroliere di se stesso: è il tempo di Com’è profondo il mare, poi nel ’78 esce Lucio Dalla, con singoli come Anna e Marco e L’anno che verrà. Da non dimenticare neanche il suo impegno nel capo della lirica, dall’ ”Opera del mendicante” del 2008 che debuttò proprio a Bologna (Teatro Duse) a “Tosca amore disperato“.

Il bolognese Roberto Serra, amico storico di Dalla e fotoreporter di professione ha commentato la notizia della morte di Lucio Dalla e ha dichiarato di averlo sentito ieri sera, ed era felice e sereno, divertito e in pace con se stesso.

Entusiasta per il tour appena partito, ed emozionato di ritrovare i luoghi di un analogo tour di trent’anni fa e di trovare, pure nella diversità delle situazioni, la stessa positiva risposta di pubblico di allora. Noi non possiamo fare altro che augurare a Lucio BUON VIAGGIO!

Manuela Garzia



Accedi